Social network

Approfondimenti tecnici

Evoluzione - breve storia


Negli anni 70 nascono le prime BBS, si tratta dei primi siti che permettono agli utenti di interagire tra loro collegandosi uno per volta, che trovano poi la loro naturale  evoluzione nei forum.
Nel 1988 e nel 1990, nascono rispettivamente IRC ( Internet Relay Chat) per la condivisione di file e per stabilire contatti e ICQ il primo programma di messaggistica istantanea.

Gli anni successivi vedono il diffondersi dei primi social network BlackPlanet, MiGente, fino alla loro vera evoluzione avvenuta all’inizio degli anni 2000.

Nel 2003 nasce MySpace, che originariamente consente, tramite messaggistica, la comunicazione tra utenti ma nel 2004 si evolve in  MySpaceIM  che presenta una novità: la comunicazione in tempo reale (chat).

Nel 2005 viene lanciato Youtube per la condivisione di video tra utenti e la possibilità di postarli nei rispettivi siti. Lo stesso consente la condivisione e visualizzazione di video e tra le sue caratteristiche più significative presenta la possibilità di postare commenti e voto, nonché di creare una lista di preferiti.

Nel 2006, con Twitter nasce una vera e propria piattaforma e quindi la diffusione di numerosi client e servizi che consentono all’utente  di postare direttamente foto e video.

Nello stesso anno Facebook, che nasce due anni prima come social network esclusivo di Harvard, si espande ad altri istituti, comprese le Università, e successivamente in ogni altro settore a disposizione di chiunque.

Ha la sua massima espansione nel 2008 ed ancora oggi continua la sua inarrestabile crescita aggiungendo anno dopo anno sempre nuove ed interessanti caratteristiche come ad esempio:

Messaggistica privata e possibilità di postare messaggi sulla bacheca della persona interessata visibili comunque  a tutta la rete di amicizie;
gli iscritti hanno la possibilità di cambiare a proprio piacimento le impostazioni del proprio profilo, decidendo di volta in volta se, cosa  e a chi consentire la visualizzazione delle notizie che lo riguardano;
agli utente è consentita la possibilità di taggare post ed immagini.

L’aspetto della “condivisione” rappresenta quindi uno tra gli argomenti di natura  tecnica che merita un più puntuale approfondimento.

Una volta pubblicati sui social network,  i dati possono essere estrapolati anche da terze persone ed essere impropriamente pubblicati altrove o essere, altresì, usati per creare altri profili e ancora utilizzati per compiere operazione di marketing dai fornitori di beni e servizi per trasmettere, essendo in possesso di notizie utili allo scopo, messaggi promozionali mirati.

E’ bene sapere che l’operazione di cancellazione dei propri dati, una volta immessi nel circuito della Rete, è spesso difficile e una volta diffusi globalmente, potrebbe risultare insufficiente  la cancellazione degli stessi dal sito originario perché non è affatto esclusa la possibilità dell’esistenza di altre copie già nella disponibilità di terze persone.

E’ necessario, quindi, avere la consapevolezza che una volta usciti da un social network, è possibile disattivare ( non renderlo più disponibile)  il proprio profilo ma non cancellarlo in mordo definitivo; i dati inseriti potrebbero, difatti, rimanere in giacenza presso i server che ospitano le pagine dei siti interessati, spesso locali all’estero e quindi sottoposti a legislazioni straniere che prevedono diverse  forma di tutela.

E’ bene quindi riflettere con attenzione sui quali dati personali si vogliono immettere nella Rete, evitando di pubblicare quelli che non si vuole siano diffusi  e per questo scopo vanno valutate e scelte  con particolare attenzione le impostazioni sulla  propria privacy  e  sottoposte ad una costante opera di monitoraggio.


Tecnicamente è di fondamentale importanza cambiare frequentemente la password di accesso, utilizzando preferibilmente codici alfanumerici e comunque diversi da altri eventualmente utilizzati per accedere ad altri servizi (on-bancking, posta elettronica). 

Termini tecnici maggiormente utilizzati in ambito dei social network:
 

Bannare/bandire
Atto posto in essere dall’amministratore di un sito per vietare l’accesso al sito ad un dato utente che non ha rispettato le regole stabilite e preventivamente accettate.
 

Postare
Equivale alla pubblicazione di testi e non solo all’interno di un forum, di una bacheca on line o di un sito.
 

Taggare
Attribuire nome e cognome ad una immagine pubblicata  on-line.
 

Poke ( inviare un poke)
Equivale ad uno squillo telefonico inviato ad una persona per attirare la sua attenzione.